[Risolto] Chiarimenti su UUID

Problemi e discussioni inerenti al kernel e al supporto hardware in ambiente Linux
Rispondi
Avatar utente
vda
Arciere Provetto
Messaggi: 599
Iscritto il: 13 febbraio 2011, 10:53
Architettura: x86_64 (64bit)

[Risolto] Chiarimenti su UUID

Messaggio da vda » 21 marzo 2020, 19:01

Ciao a tutti,

il mio portatile, un Acer Aspire-V3-371, ospita da sempre 2 sistemi operativi in dual boot: Windows 10 - col quale è uscito di fabbrica qualche anno fa e che non ho quasi mai utilizzato - e il fidato Arch Linux.

Questi giorni, causa pandemia che ci costringe tutti a casa, ho dovuto resuscitare Win10 per potervi installare lo standard aziendale F5-VPN / Bomgar (non supportati da Arch Linux) e poter così accedere da remoto al mio desktop in ufficio.

Neanche a dirlo, subito i primi problemi. Evidentemente era passato un po' di tempo dall'ultimo aggiornamento perché, non appena avviato Windows, mi sono visto scaricare ed installare l'ultima release di casa Microsoft, la 1903, col risultato che, al successivo riavvio di sistema, il boot loader systemd-boot veniva completamente ignorato - partiva direttamente Windows 10 - ed era così impedito l'accesso a Linux.

Fortunatamente mi sono ricordato di aver già affrontato lo stesso problema in fase di installazione di Arch Linux (https://archlinux.it/forum/viewtopic.php?t=20822). Così, dopo le consuete imprecazioni all'indirizzo di Bill Gates è' stato sufficiente "rieducare" Windows 10 tramite BCDEdit per ripristinare systemd-boot come boot manager predefinito.

Ma le sorprese non erano finiite: il malefico Winzozz aveva pensato bene di aggiungere una nuova partizione nell'area di disco a lui riservata. Risultato: il mio boot-loader systemd-boot puntava ora ad una partizione di root /dev/sda4 che nel frattempo era divenuta /dev/sda5... e ovviamente il sistema non si avviava.

Confesso che mi ci è voluto un po' per scoprire l'arcano ma non è stato ovviamente difficile porvi rimedio.

Tuttavia, per evitare anche in futuro scherzi di questo genere, ho pensato ora di riconfigurare il mio boot loader con riferimenti UUID alle partizioni di disco:

Codice: Seleziona tutto

title	Arch Linux
linux	/vmlinuz-linux
initrd	/intel-ucode.img
initrd	/initramfs-linux.img
# options	root=/dev/sda5 rw
options root=UUID=fba6b1a2-c35a-4845-80f5-4588046050ce rw

Leggo però (es. https://askubuntu.com/questions/200923/ ... -to-change) che a qualcuno è capitato di vedersi "cambiare", quindi non più riconoscere i suddetti UUID, magari avviando la macchina da disco USB.

Francamente la cosa mi sembra strana, ma non ho mai approfondito l'argomento. Chiedo quindi lumi a voi.

Grazie anticipatamente,

8)
Ultima modifica di vda il 22 marzo 2020, 0:01, modificato 1 volta in totale.
Soltanto quando siamo in grado di dare possediamo veramente.
Tutto ciò che non siamo in grado di dare ci possiede. [André Gide]

Avatar utente
Dusty
Little John
Messaggi: 942
Iscritto il: 12 agosto 2011, 13:15
Località: Firenze

Re: Chiarimenti su UUID

Messaggio da Dusty » 21 marzo 2020, 22:18

vda ha scritto:
21 marzo 2020, 19:01
a qualcuno è capitato di vedersi "cambiare", quindi non più riconoscere i suddetti UUID, magari avviando la macchina da disco USB.
A qualcuno è capitato di vedere cambiare l'UUID di un file system virtuale definito con l'avvio di una live da USB.
Nella mia esperienza l'UUID viene generato al momento della formattazione.
E poi resta quello finchè esiste la partizione.
Però è una informazione che sta registrata nella struttura e che dall'esterno può essere modificata a piacere.
Recentemente mi è capitato di spostare una partizione da un disco ad un altro, cambiando da btrfs a ext, e il programma di dump/restore si è portato dietro anche l'UUID!
Diciamo che tra tutti i metodi di identificazione di una partizione l'UUID è ragionevolmente sicuro.
Per un approfondimento, leggi anche
https://wiki.archlinux.org/index.php/Pe ... ice_naming

Avatar utente
vda
Arciere Provetto
Messaggi: 599
Iscritto il: 13 febbraio 2011, 10:53
Architettura: x86_64 (64bit)

Re: Chiarimenti su UUID

Messaggio da vda » 21 marzo 2020, 23:58

Grazie della risposta sollecita.

In definitiva, quindi si può star tranquilli...

Alla prossima.

8)
Soltanto quando siamo in grado di dare possediamo veramente.
Tutto ciò che non siamo in grado di dare ci possiede. [André Gide]

Avatar utente
TheSaint
Robin Hood
Messaggi: 8049
Iscritto il: 8 settembre 2007, 7:43
Architettura: x86_64 (64bit)
Località: davanti al computer

Re: [Risolto] Chiarimenti su UUID

Messaggio da TheSaint » 22 marzo 2020, 9:34

Mi par evidente che gli UUID sono una scelta degli sviluppatori, che non possono determinare un nome senza incappare con dei conflitti di altri nomi esistenti. Questo metodo abbatte il rischio, ma francamente non è un nome facile da ricordare. Allora gli sviluppatori hanno aggiunto la possibilità di scegliersi una etichetta che al momento di crearla si sa cosa si va incontro se erroneamente ce ne una altra.
Vantaggio dell'etichetta è che rimane semplice ricreare la partizione e rimettere l'etichetta senza rischiare di scombinare l'avvio per quei comandi che si basano agli indirizzi delle partizioni, come linux, boot loader e /etc/fstab.

Come molte volte ho scritto, gestire con le etichette è un fattore di semplificazione. Tanto simile a quello di aver associato delle lettere sulle tastiere dei telefoni, o aver aggiunto dei codici mnemonici al linguaggio macchina, perché sono più facili da ricordare parole di senso compiuto di una sequenza alfanumerica.
F the saint 14 anni da questo forum ;)
Gli uomini consumano il pianeta, almeno due di queste cose si possono ridurre.

Rispondi