Pagina 1 di 1

mkfs

Inviato: 21 marzo 2020, 21:08
da caruso spaonazzo
è una domanda stupida, ma ho questo dubbio
lo strumento mkfs formatta la partizione? quindi basta usare quello per installare da zero sulla partizione che formatto con mkfs?

mettiamo ad esempio questo comando

Codice: Seleziona tutto

mkfs.btrfs /dev/sda3
ho formattato la partizione così? si è svuotata dal contenuto che c'era prima? o devo fare qualcos'altro con cfdisk o altri programmi per partizionare?

Re: mkfs

Inviato: 21 marzo 2020, 22:36
da Dusty
Ma sei un insicuro cronico!
:-)
No, la formattazione di un file system non consiste in un reset.
Sì, la formattazione riparte da zero, riscrivendo i blocchi iniziali della struttura.
No, la formattazione non sovrascrive tutta la partizione; quindi con un po' di fortuna a volte si riesce a recuperare qualcosa del precedente contenuto.
Ma sei sicuro che ti serva il btrfs?
L'ultimo shapshot era molto vecchio e quindi evidentemente non ti serve.
ext4 è più performante e più stabile.

Re: mkfs

Inviato: 21 marzo 2020, 23:13
da caruso spaonazzo
sono insicuro perché non l'ho mai fatto o comunque l'ho fatto un paio di volte di cui l'ultima tipo 3 anni fa.
Quindi non mi serve nient'altro per fare una nuova installazione? Basta la semplice formattazione?
Forse hai ragione sul btrfs, tra l'altro mi ha abbandonato così, senza aver fatto niente.

Re: mkfs

Inviato: 22 marzo 2020, 9:24
da TheSaint
Quale vincolo hai con btrfs?

Re: mkfs

Inviato: 22 marzo 2020, 11:19
da caruso spaonazzo
nessuno, me lo ha consigliato venere nera, però se dite che ext4 è più performante e stabile posso tornare a ext4.

ma volevo una risposta alla domanda?
Quindi non mi serve nient'altro per fare una nuova installazione? Basta la semplice formattazione?

Re: mkfs

Inviato: 22 marzo 2020, 14:45
da Dusty
caruso spaonazzo ha scritto:
22 marzo 2020, 11:19
nessuno, me lo ha consigliato venere nera, però se dite che ext4 è più performante e stabile posso tornare a ext4.
brtfs è un eccellente file system, ma come tutti gli altri ha pregi e difetti.
Il pregio è un'architettura progettata per garantire l'integrità (salvo malfunzionamenti), il difetto è un sovraccarico di impegno.
Ci sono in giro, facilmente consultabili, confronti che mostrano come la complessità dell'architettura comporti un maggiore impegno per la scrittura e quindi una minore velocità.
Lo shapshot è bellissimo e da solo può giustificare tutto ... ma solo se ti serve.
Io ho usato btrfs fin dalla mia prima installazione e mi sono pure beccato un malfunzionamento simile al tuo (ma meno severo).
Mai fatto uno snapshot; mi incuriosiva l'idea ma non ne ho mai avuto la necessità, nè il tempo.
Recentemente ho avuto necessità di migrare su un altro disco ed ho colto l'occasione per passare a ext4.
Quindi non mi serve nient'altro per fare una nuova installazione? Basta la semplice formattazione?
La semplice formattazione è il punto di partenza, necessario e sufficiente per una nuova installazione pulita.
Quando hai finito, valuta l'opportunità di un salvataggio periodico.

Re: mkfs

Inviato: 22 marzo 2020, 14:55
da caruso spaonazzo
Quando hai finito, valuta l'opportunità di un salvataggio periodico.
in che modo?

Re: mkfs

Inviato: 22 marzo 2020, 16:39
da Dusty
Dusty ha scritto:
22 marzo 2020, 14:45
La semplice formattazione è il punto di partenza, necessario e sufficiente per una nuova installazione pulita.
No.
C'è un'altra cosa importante da fare in queste circostanze.
Verificare lo stato del disco, perchè non si può escludere che all'origine del danno ci sia in malfunzionamento hardware.
Serve un'analisi SMART:
https://wiki.archlinux.org/index.php/S.M.A.R.T.
Poi, tutti i produttori hanno un loro tool di analisi; se lo trovi è meglio.

Per il backup, c'è di tutto, anche open source.
Io uso e suggerisco fsarchiver
https://www.archlinux.org/packages/extr ... sarchiver/

Re: mkfs

Inviato: 22 marzo 2020, 17:17
da caruso spaonazzo
l'ho fatto con un tool per windows

quei 5 errori CRC ultraDMA ce li avevo anche diversi anni fa, non sono aumentati per fortuna

quello a rischio mi dà questi problemi, che significa?

Re: mkfs

Inviato: 22 marzo 2020, 19:25
da Dusty
Non basta leggere gli attuali indicatori SMART.
Questo va bene nella normale operatività.
Quando ti puoi fermare, oppure quando hai qualche sospetto, cioè adesso, devi eseguire i test interni.
Ripeto:
https://wiki.archlinux.org/index.php/S.M.A.R.T.
e in particolare
https://wiki.archlinux.org/index.php/S. ... Run_a_test
Oppure i programmi specifici del produttore.
Il Western Digital sembra in buone condizioni, sul Toshiba non metterei dati critici.

Re: mkfs

Inviato: 23 marzo 2020, 10:47
da Zar Marco
Trovo così comodo btrfs, mi permette di fare tantissime prove con altre distro senza aver bisogno di toccare le partizioni. Per ora non ho ancora avuto problemi, se ne avrò in futuro proverò altro. Per ora in ogni caso btrfs con gli snapshot mi ha permesso di cambiare dischi un paio di volte in maniera molto agevole

Re: mkfs

Inviato: 24 marzo 2020, 13:30
da TheSaint
Non è solo btrfs a permettere di entrare in un altro ambiente virtuale. Ci sono docker, Virtualbox, qemu e VMware.
Hai sempre la possibilità di mantenere un SO in un file. Magari più semplice da condividere che uno snapshot di btrfs.

Re: mkfs

Inviato: 24 marzo 2020, 20:04
da Zar Marco
Sicuramente, docker ammetto di non conoscerlo, le macchine virtuali sono molto utili, ma personalmente preferisco lavorare su "fisico", ma so che questo è solamente un parere personale