Musica Progressive

Tutto ciò che altrimenti sarebbe OT
Avatar utente
Bl@ster
Little John
Messaggi: 1452
Iscritto il: 25 maggio 2008, 15:24
Località: Palestrina (RM)
Contatta:

Messaggio da Bl@ster » 28 marzo 2010, 18:47

franz1789 ha scritto:Dunque, sono stato un cultore del progressive dai 14 ai 16/17 anni, periodo in cui mi sono tuffato praticamente in tutto quello che fosse possibile associare alla parola progressive: Genesis, PInk Floyd, Yes, King Crimson, ELP, Van Der Graaf Generator, PFM, Le Orme, gruppi meno noti, una buona parte dello Zeuhl francese (e anche qualche episodio japp) per poi spostarmi verso il post rock da una parte, il jazz dall'altra e via dicendo. Non considero il neo-prog degno di nota, in quanto credo il progressive sia morto negli ultimi '70 massimo primi '80. Era figlia di un'epoca e di una mentalità, totalmente persa. I Marillion, i Porcupine Tree sono a dir poco penosi, per non parlare dell'intera corrente "prog-metal" che considero un'aberrazione della musica. Al giorno d'oggi il progressive va solo ricordato per ciò che è stato, così come nessuno si sognerebbe di riproporre la mentalità hippie o l'hard core, o il ragtime, il prog è invecchiato e morto quando sono invecchiate e morte le sue idee, quando con gli anni ottanta non era importante essere una persona colta o un musicista virtuoso, ma solo un'immagine da sfruttare...
Il prog è morto, sono morte le sue idee, dici, ma non parli di quali idee sono morte che non possano essere trattate al giorno d'oggi.
Illustrami.
Faber est suae quisque fortunae.

franz1789
Arciere Provetto
Messaggi: 410
Iscritto il: 23 giugno 2008, 14:58

Messaggio da franz1789 » 29 marzo 2010, 22:25

Volentieri. Il prog nasceva in un ambito di totale e necessario rinnovo della musica, nasceva dalla necessità di fondere la musica rock con il jazz e con la musica classica. Era figlio del suo tempo perché prima di The Court of the Crimson King solo i Procol Harum avevano fatto canzoni superiori ai 7 minuti, e pochi altri. Era figlio del suo tempo perché era innovazione, all'epoca chi veniva dal conservatorio finiva in orchestra o a suonare musica classica, con il prog grandi musicisti uscivano dagli schemi e proponevano qualcosa che non era mai stato fatto. MA verso la fine degli anni '70 era evidente che il prog aveva ucciso se stesso, nell'attimo stesso in cui il virtuosismo e l'auto-referenzialità hanno creato uno schema.
Il neo-prog è figlio inevitabilmente dell'aberrazione, perché il prog ha fatto il suo tempo, ha fatto la sua rivoluzione e ora non c'è rivoluzione, solo schemi. Basti pensare che un'anima santa quale Robert Fripp ha compreso quanto fosse necessario cambiare e inventare (nel vero spirito "prog=innovazione")... È come il glam-rock, Bowie ha capito che stava tirando troppo la cosa, che dopo tutto ciò che era accaduto non si poteva continuare. O come il punk (quello vero, non l'hardcore), alla fine del periodo tutto è morto, quando la rivoluzione è compiuta non si ripropone, ci si evolve. L'unica evoluzione è stata quella di contaminare il prog con il metal, creando quello che a parer mio NON va sotto il nome di prog-metal. Progressive non vuol dire "testi lunghi, composizioni mitologiche e virtuosismi" ma significava creare devianze al rock, in cui il jazz e la classica potessero liquefare i limiti imposti dal canonico blues-rock o country-rock dell'epoca. Il prog-metal è la somma di due canoni: [(chitarra distorta + growling + "cattiveria") + (virtuosismi + neoclassicismo + mitologia)]. Non c'è più un'idea alla base e, quando si tratta di presunto "neo-prog", questo comporta alla riproposizione di continui cliché...

Avatar utente
Bl@ster
Little John
Messaggi: 1452
Iscritto il: 25 maggio 2008, 15:24
Località: Palestrina (RM)
Contatta:

Messaggio da Bl@ster » 29 marzo 2010, 22:41

Il neo-prog non ha al suo interno alcun elemento growl, in ogni caso, comunque grazie della spiegazione. Io credo invece che il prog possa dare ancora molto alla musica; mai ascoltati i Pain of Salvation?
Faber est suae quisque fortunae.

Howl
Arciere Provetto
Messaggi: 435
Iscritto il: 28 luglio 2008, 19:32

Messaggio da Howl » 29 marzo 2010, 23:03

franz1789 ha scritto:O come il punk (quello vero, non l'hardcore), alla fine del periodo tutto è morto, quando la rivoluzione è compiuta non si ripropone, ci si evolve.
Il punk non è stato una rivoluzione. Il post-punk sì.

franz1789
Arciere Provetto
Messaggi: 410
Iscritto il: 23 giugno 2008, 14:58

Messaggio da franz1789 » 29 marzo 2010, 23:08

il growl era per il prog-metal :D

comunque ho dato un'ascolto a diversi gruppi neo-prog, specie grazie a progarchives.com (una volta ero così fan che seguivo persino il modificarsi dei primi album della top 100), che mi ha fatto conoscere forse l'unico gruppo neo-prog che abbia mai apprezzato, gli Anglagard (Hybris in particolar modo)... Davvero un gran bell'ascolto..

Avatar utente
Bl@ster
Little John
Messaggi: 1452
Iscritto il: 25 maggio 2008, 15:24
Località: Palestrina (RM)
Contatta:

Messaggio da Bl@ster » 29 marzo 2010, 23:10

Anche il prog metal, dipende da cosa ascolti. Per esempio i DGM sono un'ottima band, certo ormai di innovativo in giro c'è poco, ma personalmente adesso indentifico come prog-metal una corrente che a me piace molto.
Faber est suae quisque fortunae.

Azz
Arciere
Messaggi: 261
Iscritto il: 2 gennaio 2009, 14:56
Località: Padova
Contatta:

Messaggio da Azz » 30 marzo 2010, 14:59

Bl@ster ha scritto:Il neo-prog non ha al suo interno alcun elemento growl, in ogni caso, comunque grazie della spiegazione. Io credo invece che il prog possa dare ancora molto alla musica; mai ascoltati i Pain of Salvation?
Amo i Pain of Salvation, ma i loro recenti tentativi di innovazione (da Scarsick in poi) mi hanno deluso. Innovazione non significa stravolgimento. Però il prog metal può ancora dare tanto, a patto che porti con sé qualcosa di nuovo, e infatti aspetto con ansia Road Salt, il prossimo album dei PoS.
Azz - LastFm - Twitter
Immagine
Immagine

Avatar utente
Bl@ster
Little John
Messaggi: 1452
Iscritto il: 25 maggio 2008, 15:24
Località: Palestrina (RM)
Contatta:

Messaggio da Bl@ster » 30 marzo 2010, 15:51

Azz ha scritto:
Bl@ster ha scritto:Il neo-prog non ha al suo interno alcun elemento growl, in ogni caso, comunque grazie della spiegazione. Io credo invece che il prog possa dare ancora molto alla musica; mai ascoltati i Pain of Salvation?
Amo i Pain of Salvation, ma i loro recenti tentativi di innovazione (da Scarsick in poi) mi hanno deluso. Innovazione non significa stravolgimento. Però il prog metal può ancora dare tanto, a patto che porti con sé qualcosa di nuovo, e infatti aspetto con ansia Road Salt, il prossimo album dei PoS.
Intanto è uscito anche Linoleum, il quale non ha fatto una buona impressione a certi che conosco, a me personalmente è piaciuto :)
Faber est suae quisque fortunae.

Azz
Arciere
Messaggi: 261
Iscritto il: 2 gennaio 2009, 14:56
Località: Padova
Contatta:

Messaggio da Azz » 30 marzo 2010, 20:37

Bl@ster ha scritto:
Azz ha scritto:
Bl@ster ha scritto:Il neo-prog non ha al suo interno alcun elemento growl, in ogni caso, comunque grazie della spiegazione. Io credo invece che il prog possa dare ancora molto alla musica; mai ascoltati i Pain of Salvation?
Amo i Pain of Salvation, ma i loro recenti tentativi di innovazione (da Scarsick in poi) mi hanno deluso. Innovazione non significa stravolgimento. Però il prog metal può ancora dare tanto, a patto che porti con sé qualcosa di nuovo, e infatti aspetto con ansia Road Salt, il prossimo album dei PoS.
Intanto è uscito anche Linoleum, il quale non ha fatto una buona impressione a certi che conosco
Con "da Scarsick in poi" includevo anche linoleum, che considero una presa in giro. Non voglio più ascoltare cose al di sotto delle possibilità dei PoS. Due album glieli perdono, ma un terzo sarebbe veramente l'ultima goccia. :)
Azz - LastFm - Twitter
Immagine
Immagine

Avatar utente
Bl@ster
Little John
Messaggi: 1452
Iscritto il: 25 maggio 2008, 15:24
Località: Palestrina (RM)
Contatta:

Messaggio da Bl@ster » 30 marzo 2010, 20:46

Azz ha scritto:
Bl@ster ha scritto:
Azz ha scritto: Amo i Pain of Salvation, ma i loro recenti tentativi di innovazione (da Scarsick in poi) mi hanno deluso. Innovazione non significa stravolgimento. Però il prog metal può ancora dare tanto, a patto che porti con sé qualcosa di nuovo, e infatti aspetto con ansia Road Salt, il prossimo album dei PoS.
Intanto è uscito anche Linoleum, il quale non ha fatto una buona impressione a certi che conosco
Con "da Scarsick in poi" includevo anche linoleum, che considero una presa in giro. Non voglio più ascoltare cose al di sotto delle possibilità dei PoS. Due album glieli perdono, ma un terzo sarebbe veramente l'ultima goccia. :)
A me Linoleum è piaciuto molto, sono sonorità già sentite ma belle ;)
Comunque Road Salt dovrebbe essere un discone, ho già sentito la titletrack :P (pappappero)
Faber est suae quisque fortunae.

Azz
Arciere
Messaggi: 261
Iscritto il: 2 gennaio 2009, 14:56
Località: Padova
Contatta:

Messaggio da Azz » 31 marzo 2010, 17:56

Bl@ster ha scritto:
Azz ha scritto:
Bl@ster ha scritto: Intanto è uscito anche Linoleum, il quale non ha fatto una buona impressione a certi che conosco
Con "da Scarsick in poi" includevo anche linoleum, che considero una presa in giro. Non voglio più ascoltare cose al di sotto delle possibilità dei PoS. Due album glieli perdono, ma un terzo sarebbe veramente l'ultima goccia. :)
A me Linoleum è piaciuto molto, sono sonorità già sentite ma belle ;)
Comunque Road Salt dovrebbe essere un discone, ho già sentito la titletrack :P (pappappero)
Lo spero di cuore. In giro ci sono tante buone band prog metal, ma poche che sanno stupire, come i PoS. Comunque, se è per questo, attendo anche il prossimo album dei Symphony X.
Azz - LastFm - Twitter
Immagine
Immagine

Avatar utente
Bl@ster
Little John
Messaggi: 1452
Iscritto il: 25 maggio 2008, 15:24
Località: Palestrina (RM)
Contatta:

Messaggio da Bl@ster » 31 marzo 2010, 18:04

Azz ha scritto:
Bl@ster ha scritto:
Azz ha scritto: Con "da Scarsick in poi" includevo anche linoleum, che considero una presa in giro. Non voglio più ascoltare cose al di sotto delle possibilità dei PoS. Due album glieli perdono, ma un terzo sarebbe veramente l'ultima goccia. :)
A me Linoleum è piaciuto molto, sono sonorità già sentite ma belle ;)
Comunque Road Salt dovrebbe essere un discone, ho già sentito la titletrack :P (pappappero)
Lo spero di cuore. In giro ci sono tante buone band prog metal, ma poche che sanno stupire, come i PoS. Comunque, se è per questo, attendo anche il prossimo album dei Symphony X.
Dopo il loro ultimo lavorone Romero & Co. si fanno attendere, e meno male :P
Faber est suae quisque fortunae.

Artaserse
Novello Arciere
Messaggi: 117
Iscritto il: 21 settembre 2008, 21:14

Messaggio da Artaserse » 31 marzo 2010, 21:02

Bl@ster ha scritto:Dopo il loro ultimo lavorone Romero & Co. si fanno attendere, e meno male :P
speriamo non sia un orrore! :lol:

Ma solo a me non è piaciuto paradise lost? l'ho trovato veramente un po' "sciacquato" rispetto agli altri album. Nulla a che vedere con gli album precedenti purtroppo. Speriamo non facciano la fine dei dream theater :(

Avatar utente
dieghen89
Little John
Messaggi: 1310
Iscritto il: 28 novembre 2008, 17:53
Località: Provincia di Udine
Contatta:

Messaggio da dieghen89 » 31 marzo 2010, 21:44

Artaserse ha scritto:Speriamo non facciano la fine dei dream theater :(
Cosa vuoi dire? A me l'ultimo album (Black clouds & silver linings) è piaciuto parecchio....
XPS 13 Developer Edition i7-4650U/hd5000 + KDE
Eeepc 1015PEM Black + KDE Minimal + kernel-netbook + acpi-eeepc-1015pem --> GUIDA

Avatar utente
Bl@ster
Little John
Messaggi: 1452
Iscritto il: 25 maggio 2008, 15:24
Località: Palestrina (RM)
Contatta:

Messaggio da Bl@ster » 1 aprile 2010, 9:49

dieghen89 ha scritto:
Artaserse ha scritto:Speriamo non facciano la fine dei dream theater :(
Cosa vuoi dire? A me l'ultimo album (Black clouds & silver linings) è piaciuto parecchio....
A parte che anche a me, e anche Paradise Lost :D
Faber est suae quisque fortunae.

Artaserse
Novello Arciere
Messaggi: 117
Iscritto il: 21 settembre 2008, 21:14

Messaggio da Artaserse » 1 aprile 2010, 9:54

dieghen89 ha scritto:
Artaserse ha scritto:Speriamo non facciano la fine dei dream theater :(
Cosa vuoi dire? A me l'ultimo album (Black clouds & silver linings) è piaciuto parecchio....
Beh, a me no :P

Negli ultimi cd, intendo da Octavarium in poi, molti pezzi mi sembrano riempitivi, i suoni che usano non mi piacciono (tema ultra-opinabile ;) ) e come ultima cosa, mi pare che abbiano finito le idee: se ogni cd da "when dream and day unite" in poi aveva qualcosa di particolare, qualcosa che lo contraddistingueva in modo univoco dagli altri, dopo ToT mi sembra che non ci sia più evoluzione... tutto piatto.
Molte parti, definite "prog", mi sembrano puri e semplici esercizi e soprattutto: fate smettere di cantare Portnoy. :)

Ovviamente queste sono solo considerazioni personali, liberi di pensare diversamente e di odiarmi per quello che ho detto.

tornando IT, dopo la parentesi Dream Theater, segnalo i Puppet Show

Azz
Arciere
Messaggi: 261
Iscritto il: 2 gennaio 2009, 14:56
Località: Padova
Contatta:

Messaggio da Azz » 1 aprile 2010, 13:58

dieghen89 ha scritto:
Artaserse ha scritto:Speriamo non facciano la fine dei dream theater :(
Cosa vuoi dire? A me l'ultimo album (Black clouds & silver linings) è piaciuto parecchio....
Non è un brutto album, ma i DT non hanno più la capacità di stupire. Ogni album è ascoltabile, ma non va oltre la sufficienza, anche perché da loro ci si aspetta sempre un altro Images & Words, cosa francamente impossibile IMHO.
I Symphony X invece non sono ancora riusciti a segnare il prog metal in modo decisivo, e visto che hanno lavorato parecchio, mi auguro che, dopo buonissimi lavori, arrivi il capolavoro! :)
Azz - LastFm - Twitter
Immagine
Immagine

psychoweb
Novello Arciere
Messaggi: 108
Iscritto il: 15 luglio 2008, 8:58

Messaggio da psychoweb » 17 aprile 2010, 11:06

Azz, sono d'accordo con te, per entrambi i discorsi DT e PoS. Sento mia in particolare la frase
Non voglio più ascoltare cose al di sotto delle possibilità dei PoS
Per me infatti poco conta che Scarsick o Linoleum siano "comunque" degli album piacevoli, ascoltabili, diciamo anche belli. Sono sonorità e strutture che potevano essere sentite anche in altre band. Con questo non voglio sminuire i miei amati PoS, ma dopo aver visto di che cosa sono stati capaci nei primi album mi sembra veramente uno "spreco" che si lascino andare a una scrittura più immediata e orecchiabile mettendo da parte tutte le particolarità alle quali ci hanno abituati.
Perchè diciamocelo, il progressive (sia rock che metal) è un modo di scrivere musica colta, elaborata, complessa, che non tutti riescono ad ascoltare, è vero, ma che ancora meno riescono a produrre. Ora non voglio stare a dilungarmi con tutte le caratteristiche che io riconosco nel prog (divincolamento dalla forma canzone, arrangiamenti meticolosi, armonie e dissonanze che è difficile sentire in altri generi, etc....) e che sono sicuro conoscete anche voi.
Però è come se Leonardo Da Vinci, a un certo punto della sua carriera, avesse voluto cambiare "genere" e si fosse messo a disegnare gli omini di Keith Haring. A me piacciono entrambi, ma sono il primo a vedere nel primo un'arte molto più complessa del secondo.
Scusate lo sfogo, ma Azz in qualche modo mi ha innescato :lol:


PS: a tal proposito, aggiungo alla lista "Kino - Picture" e "It Bites - The Tall Ships" se non l'avevo già fatto. Un tentativo secondo me riuscitissimo di svecchiare un po' il genere e arricchirlo di sonorità accattivanti e a tratti pop. (niente metal, siamo sul rock)

Avatar utente
Bl@ster
Little John
Messaggi: 1452
Iscritto il: 25 maggio 2008, 15:24
Località: Palestrina (RM)
Contatta:

Messaggio da Bl@ster » 17 aprile 2010, 11:36

psychoweb ha scritto:Azz, sono d'accordo con te, per entrambi i discorsi DT e PoS. Sento mia in particolare la frase
Non voglio più ascoltare cose al di sotto delle possibilità dei PoS
Per me infatti poco conta che Scarsick o Linoleum siano "comunque" degli album piacevoli, ascoltabili, diciamo anche belli. Sono sonorità e strutture che potevano essere sentite anche in altre band. Con questo non voglio sminuire i miei amati PoS, ma dopo aver visto di che cosa sono stati capaci nei primi album mi sembra veramente uno "spreco" che si lascino andare a una scrittura più immediata e orecchiabile mettendo da parte tutte le particolarità alle quali ci hanno abituati.
Perchè diciamocelo, il progressive (sia rock che metal) è un modo di scrivere musica colta, elaborata, complessa, che non tutti riescono ad ascoltare, è vero, ma che ancora meno riescono a produrre. Ora non voglio stare a dilungarmi con tutte le caratteristiche che io riconosco nel prog (divincolamento dalla forma canzone, arrangiamenti meticolosi, armonie e dissonanze che è difficile sentire in altri generi, etc....) e che sono sicuro conoscete anche voi.
Però è come se Leonardo Da Vinci, a un certo punto della sua carriera, avesse voluto cambiare "genere" e si fosse messo a disegnare gli omini di Keith Haring. A me piacciono entrambi, ma sono il primo a vedere nel primo un'arte molto più complessa del secondo.
Scusate lo sfogo, ma Azz in qualche modo mi ha innescato :lol:
Guarda che il thread esiste apposta per queste discussioni, non hai fatto nulla di male :D
In ogni caso, a me anche Linoleum ha fatto impazzire e sebbene non sia un concept ma solo un EP, lo trovo a suo modo molto caratteristico, e apprezzo che i PoS non abbiano voluto infilare questo esperimento in un album intero, li avrebbe sminuiti ancora di più.
Adesso attendiamo tutti Road Salt ;)

Edit: Ah comunque mi sono andato a sfogliare un po' di fonti, l'album sarà Road Salt Pt. 1: Ivory e sarà rilasciato il 19 Maggio :P
Ultima modifica di Bl@ster il 17 aprile 2010, 11:40, modificato 1 volta in totale.
Faber est suae quisque fortunae.

Artaserse
Novello Arciere
Messaggi: 117
Iscritto il: 21 settembre 2008, 21:14

Messaggio da Artaserse » 9 maggio 2010, 15:42

com'è che ancora nessuno ha citato i Redemption? :D
ottimi componenti e belle idee, da ascoltare

Avatar utente
Bl@ster
Little John
Messaggi: 1452
Iscritto il: 25 maggio 2008, 15:24
Località: Palestrina (RM)
Contatta:

Messaggio da Bl@ster » 9 maggio 2010, 23:13

Artaserse ha scritto:com'è che ancora nessuno ha citato i Redemption? :D
ottimi componenti e belle idee, da ascoltare
Spero di non averli dimenticati settordici post fa :D
Faber est suae quisque fortunae.

psychoweb
Novello Arciere
Messaggi: 108
Iscritto il: 15 luglio 2008, 8:58

Messaggio da psychoweb » 18 maggio 2010, 23:00

A proposito,Bl@ster, hai già sentito qualcosa di Road Salt One? Inizio già a vedere in giro le prime recensioni..

Avatar utente
Bl@ster
Little John
Messaggi: 1452
Iscritto il: 25 maggio 2008, 15:24
Località: Palestrina (RM)
Contatta:

Messaggio da Bl@ster » 18 maggio 2010, 23:04

Ce l'ho qua, ascoltato due volte. Non male, anche se non è al livello dei capolavori dei Pain of Salvation come li conoscevamo.
Faber est suae quisque fortunae.

Azz
Arciere
Messaggi: 261
Iscritto il: 2 gennaio 2009, 14:56
Località: Padova
Contatta:

Messaggio da Azz » 19 maggio 2010, 15:35

L'ho ascoltato 5-6 volte, e posso dire che gli unici brani che mi hanno emozionato sono "Sisters" e "Road Salt". Il resto ancora non mi colpisce, ma forse ci vuole del tempo!
Azz - LastFm - Twitter
Immagine
Immagine

Avatar utente
dieghen89
Little John
Messaggi: 1310
Iscritto il: 28 novembre 2008, 17:53
Località: Provincia di Udine
Contatta:

Messaggio da dieghen89 » 21 novembre 2010, 23:29

Ma ragazzi, abbiamo fatto morire la discussione?? :) È un vero peccato, dai diamogli una botta di vita! :D

Avevo già proposto questo gruppo, ma ora vi suggerisco un altro album...
Sto parlando dei "Sieges Even" e il cd "Paramount" (2007)...

Se volete un ascolto di prova, ecco una tra le canzoni che mi piacciono di più :D
XPS 13 Developer Edition i7-4650U/hd5000 + KDE
Eeepc 1015PEM Black + KDE Minimal + kernel-netbook + acpi-eeepc-1015pem --> GUIDA

Rispondi