Consiglio partizionamento su usb

Tutto ciò che altrimenti sarebbe OT
Rispondi
D.red
Novello Arciere
Messaggi: 31
Iscritto il: 6 gennaio 2011, 18:11

Messaggio da D.red » 5 febbraio 2012, 16:14

Ciao a tutti, ho da poco comprato una chiavetta usb da 16Gb per installarci una distro live (persistente) e per dei dati.
Pensavo di formattarla in questo modo:
- live-cd: partizione in cui installare il cd live. (fat32, circa 750Mb)
- live-rw: partizione in cui vengono salvati i file persistenti del live cd, esclusa la home. (ext2, circa 2Gb)
- home: partizione di home, che va a occupare tutto lo spazio restante, e compatibile con tutti i pc in modo da poter scambiare i dati.

Il mio dubbio sta nel filesystem da assegnare alla partizione di home, perchè con fat32 ho il limite di grandezza di 4Gb a file, cosa che mi sarebbe piuttosto d'intralcio dato che devo trasportare anche .iso di dvd; Ho letto che ntfs riduce la vita della penna usb perchè fa un intenso uso della cache e questo proprio non mi va; Inoltre exfat da quel che ho capito non è ancora ben supportato dai pc windows, che sono quelli con cui dovrei scambiare i dati.

Quindi chiedo a voi, come potrei formattare la home in modo che sia compatibile con windows e che non mi accorci la vita della chiavetta?
Ultima modifica di D.red il 5 febbraio 2012, 19:17, modificato 1 volta in totale.

Avatar utente
Doktor Schliemann
Novello Arciere
Messaggi: 92
Iscritto il: 8 gennaio 2012, 23:25

Messaggio da Doktor Schliemann » 5 febbraio 2012, 22:03

Dal momento che escludi NTFS e FAT32, dovrai comunque installare su Windows dei driver per poter accedere alla partizione, per cui non vedo cosa ti vieti usare un filesystem della serie ext.
Su Windows puoi poi installare il driver http://www.ext2fsd.com/ o simili.

Non capisco perché la prima partizione la vorresti fare in FAT32 e la seconda in ext2. :/

D.red
Novello Arciere
Messaggi: 31
Iscritto il: 6 gennaio 2011, 18:11

Messaggio da D.red » 6 febbraio 2012, 15:48

Intendi forse che dovrei usare ext2 anche per live-cd?
Su Windows puoi poi installare il driver http://www.ext2fsd.com/ o simili.
I computer con cui devo scambiare dati non sono miei (già, niente microsoft in casa mia :cool:), e quindi non mi va di installare programmi di supporto per ext in computer di altri ogni volta che devo passare dei file, altrimenti non mi sarei posto il problema :D


Comunque pensandoci mi sa che formatterò la home in fat32, e per i file iso continuerò a usare l'hardisk esterno. :(
Ultima modifica di D.red il 6 febbraio 2012, 18:00, modificato 1 volta in totale.

Avatar utente
Doktor Schliemann
Novello Arciere
Messaggi: 92
Iscritto il: 8 gennaio 2012, 23:25

Messaggio da Doktor Schliemann » 7 febbraio 2012, 22:37

D.red ha scritto:Intendi forse che dovrei usare ext2 anche per live-cd?
Esatto. Oppure, al limite, ext4 senza journal. Tanto in queste due partizioni non ci metterai mai becco da Windows.
Se mai l'unico problema potrebbe essere che Windows non monti la chiavetta, trovando un filesystem sconosciuto nella prima partizione. Non saprei dirti se c'è davvero questa restrizione di cui mi pare di aver sentito parlare in passato.
D.red ha scritto:I computer con cui devo scambiare dati non sono miei (già, niente microsoft in casa mia :cool:), e quindi non mi va di installare programmi di supporto per ext in computer di altri ogni volta che devo passare dei file, altrimenti non mi sarei posto il problema :D
E allora c'è poca scelta: o FAT32 e addio immagini di DVD, oppure NTFS che però è "journaled".

Avatar utente
TheSaint
Robin Hood
Messaggi: 7959
Iscritto il: 8 settembre 2007, 7:43
Architettura: x86_64 (64bit)
Località: davanti al computer

Messaggio da TheSaint » 8 febbraio 2012, 15:44

Se e' live puoi segliere il tipo di partizione che preferisci, al patto che quando vai su altri PC sia permesso di avviare dal USB.
Altrimenti e' d' obbligo NTFS, per permettere agli altri SO di leggerci
F the saint 13 anni da questo forum ;)
Gli uomini consumano il pianeta, almeno due di queste cose si possono ridurre.

Rispondi